Condividi su:

Il periodo storico che stiamo attraversando è determinante per un passaggio mondiale specifico e porta con sé importanti cambiamenti per la collettività.

Sentiamo parlare da tanto tempo di “Era dell’acquario” o “Era d’Oro”, periodo cosiddetto astrologico, in cui ci viene richiesto un Allineamento con la nostra parte spirituale più evoluta, in cui ciascuno possa essere autentico nella capacità di esprimere la propria maestria.

Siamo nell'Era in cui attivare il Potenziale dell’Alchimista, che converte le “impurezze” interiori (il Piombo) in energia potenziante (l'Oro).

Per permettere ciò, bisogna attivare il Potenziale dell’Alchimista, quell’antica arte che prevedeva la Trasformazione dei metalli meno nobili – come il Piombo – in Oro, metallo pregiato e di gran valore.

Questa trasformazione simbolica a livello energetico vuol dire convertire le “impurezze” interiori in energia potenziante, allo scopo di permettere all’individuo di splendere.

MI SPIEGO MEGLIO…

Ogni essere umano contiene all’interno di sé tutte le memorie e informazioni di ogni cosa esistente nell’universo, ma ne fa parziale esperienza e con molteplici sfaccettature, fra pregi e difetti. Con i sentimenti più bassi si rimane “Piombati” nella sola parte legata alla materia, ben lontana dagli elementi più leggeri e incontaminati. Quando si va oltre a questo aspetto esclusivamente materiale, si entra in contatto con la propria vera natura e al quel punto, ciascuno è capace di splendere come l’Oro.

Quell’“Oro” dei sentimenti, che viene raggiunto soltanto setacciandolo dalle impurità che così tanto affliggono il proprio essere.

EVOLUZIONE PER L’ALCHIMISTA

L’Evoluzione Umana passa dalla “Trasformazione del Sé” descritta da Carl Jung nel 1928 nel libro “L’io e l’Inconscio:

«L’individuazione non ha altro scopo che di liberare il Sé, per un lato, dai falsi involucri della “Persona” , dall’altro lato, dal potere suggestivo delle immagini dell’inconscio».

Una trasformazione interiore che si verifica nell’intimo potenziale alchemico.

Il “Motto” dell’Alchimisa “Solve et Coagula“, che io amo tradurre in “Dissoluzione e Ricomposizione“, spiega proprio questo: una prima fase di identificazione e dissolvenza di tutte quelle posizioni forzate che fanno parte dei condizionamenti e programmi che ci sono stati imposti (tutto quello che ha “inquinato” la mente ed il corpo) e una seconda fase di Ricomposizione e trasformazione di questi aspetti negativi (piombo) nelle loro qualità corrispondenti opposte (Oro), ovvero: l’orgoglio in umiltà, l’egoismo in generosità, l’intolleranza in benevolenza.

L’ALCHIMISTA NEI NOSTRI GIORNI

Applicando questa filosofia nella vita moderna, ciascun uomo è in grado di riuscire a raggiungere un alto grado di evoluzione, esprimendo la migliore parte di sé stesso in ogni momento.

L’Alchimista è insito nell’essenza di ciascuno di noi, ma viene attivato solamente quando si è in grado di applicare il principio “Solve et Coagula” alla propria esistenza.

Se ci fermiamo un attimo a riflettere, anche tutti noi siamo il risultato di un Gesto Alchemico: la trasformazione e disgregazione di un liquido seminale – che contiene tutta la sapienza dell’universo – che ha poi permesso a un essere umano perfetto di coagularsi in un vero miracolo della natura.

Il Lavoro Alchemico avviene a livello sottile, invisibile. Una pratica che conduce l’adepto a staccarsi dal possesso e dalla proprietà, fino a vedere la propria anima (il “Sé” di Carl Jung), come il luogo dove il “sacrificare” si trasforma in un atto divino del rendere “sacro” ogni contenuto interiore, trasformando ogni illusione e pensiero. Solo così l’uomo, ormai non più solo uomo, può giungere alla pienezza e maestria del proprio Essere.

ERA DELL’ACQUARIO

L’Alchimista è il perfetto “testimonial” della nuova Era dell’Acquario che sta sorgendo, avendo acquisito la capacità innata di saper tradurre i messaggi simbolici dell’universo sentendosi un tutt’uno con esso.

L’ERA DELL’ACQUARIO è uno dei dodici Periodi in cui alcune credenze esoteriche (fra questi anche Rudolf Steiner) suddividono, su base zodiacale, la storia dell’umanità, basandosi sul fenomeno astronomico della precessione degli equinozi. Ognuna di queste ere dura circa 2160 anni. Diversamente dall’astrologia tradizionale, le ere astrologiche sono calcolate al contrario, quindi all’era dell’Ariete è seguita quella dei Pesci, poi quella dell’Acquario e via dicendo.

L’Energia dell’Acquario, non promette né Prestigio né Ricchezza. È rappresentata da un uomo che versa l’acqua da un anfora:

«Chiunque berrà dell’acqua che io gli darò, non avrà più sete in eterno. Anzi, l’acqua che io gli darò diventerà in lui una sorgente d’acqua che zampilla per la vita eterna».

I profeti di ogni tempo ne avevano già anticipato la venuta:
L’Era dell’Acquario sarà il tempo della vita nuova. Essa si annuncerà dapprima con giganteschi sconvolgimenti, ma in seguito sarà l’Età d’Oro. L’Età d’Oro verrà con l’Acquario. La nuova vita che ne nascerà in seguito, sarà inimmaginabile in quanto a bellezza, splendore e armonia.”

Tratto da: “L’Acquario e l’Arrivo dell’Età d’Oro” di Omraam Mikhael Aıvanhov.

Per finire cito il principio della corrispondenza del Kybalion (libro del 1908 sugli insegnamenti ermetici scritto con lo pseudonimo de “I tre iniziati”) dove si afferma che c’è sempre una corrispondenza tra i piani dell’essere e la vita:

“Come sopra, così anche sotto; come sotto, così anche sopra. Come dentro, così anche fuori; come fuori, così anche dentro. Come nel grande, così anche nel piccolo”.

Nunzia Bruno
Alchimista dell’Anima
Tel. +39 342 3662449
E-mail: nunzia.bruno@magicheimpronte.it

Riproduzione consentita con citazione della fonte.